In corso al Museo della Bonifica

Il terzo appuntamento di DeltArte ha come fulcro il Museo della Bonifica di Ca’ Vendramin dove è in corso la mostra «Pensavo di poter volare» di Tony Gallo, giovane artista padovano che ha alle spalle importanti collaborazioni con gallerie ed istituzioni pubbliche. Dato che la IV edizione del festival accende i riflettori sulla street art, la curatrice Melania Ruggini ha scelto proprio un giovane street artist attualmente sulla cresta dell’onda, dato che recentemente Tony Gallo ha risanato e rivitalizzato molte zone di Conegliano, Bassano, Padova con le sue opere di street art.

13165985_10156765592470234_3488378671727103446_n

In questa mostra allestita nella Sala degli attrezzi del Museo della Bonifica di Ca’ Vendramin si rincorrono personaggi stilizzati dall’espressione a tratti perplessa, a tratti sognante, comunque sospesi in una fissità segretamente espressiva, per raccontare allo spettatore gli stati d’animo propri dell’artista, che coincidono con l’umanità.  Ed è proprio di fronte ai suoi personaggi così raccolti, silenziosi e assorti, eppure così potenti, che si percepisce il desiderio ancestrale dell’uomo di poter volare. 

13174067_688141097994232_3328408080075291210_n

Su sfondi puliti, sequenze di sognanti o trasognati alter ego sono riprese in posizioni diverse e atteggiamenti diversi, ma sempre accompagnate in modo esiziale a dei palloncini che limpidamente rimandano allo spettatore la visione poetica ed essenziale della necessità umana di inseguire la libertà, intesa come libertà di agire, di vivere, di gioire. Nelle sue opere Tony Gallo sa coniugare con eleganza la graffiante e decisa gestualità tipica della street art con l’occhio levigato di una pop art non ingenua, che ben conosce l’arte di recuperare e sublimare in icone pop gli oggetti, gli sguardi, le posture della nostra immensa banalità.

Tony Gallo è un artista completo: basti osservare la studiata lentezza con cui aggredisce il supporto con le bombolette, che parlano il linguaggio del mordi e fuggi, dell’incursione, dello sfregio estetizzante. A ciò si unisce la precisione che è propria del pittore di studio, lo sguardo socchiuso dell’impressionista en plein air, l’acribia del perfezionista e perfino il gusto un po’ barocco del ritocco.

 

BIOGRAFIA

Tony Gallo nasce a Padova nel 1975. Dopo un passato come parrucchiere e musicista, nel 2008 intraprende la strada della pittura, affermandosi come street artist volitivo e originale. Autodidatta, preferisce non seguire schemi compositivi consolidati o visioni predeterminate.

Le sue emozioni, i suoi stati d’animo vengono trasferiti senza filtri nella pittura, trasformando i suoi lavori in autentica arte emozionale.

Ha al suo attivo svariate mostre personali a Padova, tra cui nel 2016 la mostra personale presso Palazzo della Gran Guardia di Padova, “Welcome to my forest“ presso lo spazio Tindaci di Padova; New Generation Festival di Lonigo; Festival RestArt di Imola; Street Art Fort Fest – mostra collettiva a Forte Mezzacapo (Ve); svariate esposizioni con MV eventi e Start di Conegliano; performer per Liqutex e Redbull. La sua galleria di riferimento è Vecchiato Arte di Padova.

12096604_10153154947322724_703732366204978194_n



I commenti sono chiusi.