Cento a Villadose (RO)

La street art ha un carattere profondamente sociale, legato all’aggregazione e alla coesione delle persone che abitano una comunità; e questi valori sono propri anche delle discipline sportive, come il calcio.

Lo sport è uno strumento potente che spesso è stato il mezzo di risoluzione di situazioni difficili e di divergenze, nonché un mezzo potente di denuncia. Ancora, lo sport ha la capacità di valorizzare varie caratteristiche (non solo fisiche) delle persone che lo praticano e suscita attitudini valoriali e umane implicite in ognuno a livello naturale. Centrale è dunque il ruolo dell’allenatore/educatore, che diventa sempre più spesso, dopo la famiglia e la scuola, la terza figura di accompagnamento nella crescita dei ragazzi e si trova ad assolvere molti ruoli nello stesso tempo: istruttore, insegnante, modello, animatore. Gli obiettivi educativi vanno così oltre la preparazione fisica e l’allenamento: guidare lo sviluppo corretto dell’autostima, la corretta percezione di sé, l’educazione al fair play.

Questa nuova opera di street art di Centocanesio intende dunque valorizzare il forte potere positivo dello sport a partire dalla gioventù grazie al lettering colorato usato da questo validissimo artista, che da anni collabora con il nostro festival, al quale si accompagnano i suoi divertenti personaggi.

Il progetto prevede due laboratori con gli studenti di seconda media dell’Istituto Comprensivo di Villadose, rispettivamente nelle mattine del 14 e il 19 maggio.

L’inaugurazione è prevista per sabato 19 maggio alle ore 11,30 presso via Matteotti.



I commenti sono chiusi.